Archivio

Plateaux bureaux a Stele Mermoz


Il progetto prevede la realizzazione di un unitario blocco di quattro immobili muniti di ingressi e servizi indipendenti su un lotto 4032 mq. Volumi sovrapposti, accostati, arretati ed aggettanti definiscono l'articolazione formale e spaziale dell'intervento. Le modalità aggregative di tali volumi rispondono a precise esigenze di carattere funzionale, formale ed urbanistico. Chiave di lettura dell'intervento è la definizione di una emergenza architettonica integrata al tessuto urbano circostante.

I quattro fabbricati costituenti il complesso edilizio si articolano in sei livelli fuori terra (R+5) da 600 mq ciascuno. Due livelli interrati da 4032 mq accolgono i parcheggi e i locali tecnici connessi ai servizi e agli impianti dei fabbricati. Il piano terra soppalcato ospita i servizi connessi alle attività amministrative e direzionali che si svolgono ai piani superiori: reception, hall, sale congressi, sale riunioni, ristorante, bar, centro fitness, asilo. Ai piani dal primo al quinto sono posti gli uffici distribuiti nella logica dell'open space.

Il complesso ecosostenibile è dotato delle soluzioni più innovative offerte dalla tecnologia green per produrre energia pulita. Si prevede un sistema per il recupero dell'acqua piovana e delle acque grigie e di un impianto di compostaggio per i rifiuti organici. Tutte le fasi di costruzione dei fabbricati sostenibili sono state studiate nel dettaglio applicando il concetto del "Cradle to Cradle", secondo il quale nulla si distrugge, ma tutto si trasforma: dall'arredo interno ai materiali da costruzione, tutto nel fabbricato proverrà da percorsi di riciclo, per essere destinato a sua volta al recupero futuro nel caso di demolizione, il ciclo industriale "eco-friendly".

Plateaux bureaux a Stele Mermoz


Il progetto prevede la realizzazione di un unitario blocco di quattro immobili muniti di ingressi e servizi indipendenti su un lotto 4032 mq. Volumi sovrapposti, accostati, arretati ed aggettanti definiscono l'articolazione formale e spaziale dell'intervento. Le modalità aggregative di tali volumi rispondono a precise esigenze di carattere funzionale, formale ed urbanistico. Chiave di lettura dell'intervento è la definizione di una emergenza architettonica integrata al tessuto urbano circostante.

I quattro fabbricati costituenti il complesso edilizio si articolano in sei livelli fuori terra (R+5) da 600 mq ciascuno. Due livelli interrati da 4032 mq accolgono i parcheggi e i locali tecnici connessi ai servizi e agli impianti dei fabbricati. Il piano terra soppalcato ospita i servizi connessi alle attività amministrative e direzionali che si svolgono ai piani superiori: reception, hall, sale congressi, sale riunioni, ristorante, bar, centro fitness, asilo. Ai piani dal primo al quinto sono posti gli uffici distribuiti nella logica dell'open space.

Il complesso ecosostenibile è dotato delle soluzioni più innovative offerte dalla tecnologia green per produrre energia pulita. Si prevede un sistema per il recupero dell'acqua piovana e delle acque grigie e di un impianto di compostaggio per i rifiuti organici. Tutte le fasi di costruzione dei fabbricati sostenibili sono state studiate nel dettaglio applicando il concetto del "Cradle to Cradle", secondo il quale nulla si distrugge, ma tutto si trasforma: dall'arredo interno ai materiali da costruzione, tutto nel fabbricato proverrà da percorsi di riciclo, per essere destinato a sua volta al recupero futuro nel caso di demolizione, il ciclo industriale "eco-friendly".